due giorni, una notte

Unknown-2Gli strepitosi fratelli Dardenne (per intenderci, i registi di robe pazzesche come Rosetta o Il figlio) non si smentiscono mai: ecco qui un nuovo capolavoro, un pugno nello stomaco, una poesia contemporanea. Girato da dio, senza la minima retorica eppure commovente, con una Cotillard da urlo e spogliata di ogni bellezza superflua tranne quella (spropositata) interiore che vuol dire anche fragilità.

Bello, bello, bello.
Verissimo (capita sempre più spesso di perdere il lavoro), indifeso (e si sta male, eccome), ma non disperato.
Non disperato.

Perché, alla fine, checché se ne dica, amore e dignità l’hanno sempre vinta.
Per fortuna.

Da non perdere, per nessuna ragione al mondo.

soundtrack:

Annunci