non uno di meno

Ma che ci sto a fare, io che vengo dalle colline intorno a Torino e che anche ora abito in provincia, sotto un nubifragio in una città che non è la mia e che finora mi ha dato ben poche soddisfazioni, con il Duomo davanti, che è bellissimo ma mi fa anche un po' paura?

Piove disperatamente, il mio ombrellino cinese da due soldi non serve a un cazzo e sono bagnata come un pulcino, con le mie amate minorchine rosse sfondate dall'acqua e la borsa indiana di tela che si scioglie con tutto il suo contenuto.

Eppure ho fatto di tutto per essere qui e, ora che sono qui, sono contenta, anche se non capisco perché.
C'è una bella atmosfera, rilassata e affettuosa, c'è gente che sale sul palco e dice cose emozionanti.
Ma io non sono di qui, e la pioggia e il freddo mi fanno male alle ossa. Però, a tornarmene a casa, non ci penso neanche.

A un certo punto, alzo lo sguardo e vedo un arcobaleno, grandissimo. Va da Palazzo Reale a dietro il Duomo.
Nitidissimo, strepitoso. Non ne ho mai visto uno così.
Dopo cinque minuti gli arcobaleni sono due.
Mai visti due arcobaleni insieme.

Smette di piovere e sale sul palco Neri Marcoré.
Lui non è milanese, e lo dice. Ma poi cita John Fitzgerald Kennedy che a Berlino Ovest, davanti al municipio disse io sono un berlinese.
Anche Neri Marcoré, stasera, si sente milanese.

Ecco. Allora anch'io capisco perché sono qui, a tremare di freddo in una città che non è la mia e a tifare per un sindaco che non sarà mai il mio sindaco.
Semplicemente perché (e spero non suoni retorico, per me non lo è) ovunque ci si voglia muovere verso la libertà, lì – se posso – io ci voglio essere. Ed è importante che anche io ci sia, siamo in cinquantamila, se non ci fossi ce ne sarebbe uno di meno.

Così stasera, in una Piazza del Duomo praticamente a tappo nonostante la pioggia, dopo tre anni mi sento finalmente (anche) milanese.

soundtrack 🙂 :

Advertisements

2 thoughts on “non uno di meno

  1. utente anonimo ha detto:

    grazie,
    io, che milano l'ho attraversata, mangiata, rigurgitata, annusata e ne sono stata pasto, fino ai 20'anni, sono contenta che tu fossi in quella piazza.
    perche' sono lontana, ma da li' non ci si stacca mai.
    silvia

  2. tiptop ha detto:

    Io sono stata una di meno, che ha curiosato nel patetico vuoto del concerto della sera prima, sperando, anzi certa,  che ieri sera sarebbe stato quello che poi è stato.
    Per me è sempre duro districarmi tra tutte le cose, e sento addosso una stanchezza enorme… pazienza se non c'ero, la cosa importante è che questa cosa, a cui ho creduto fin dalla campagna delle primarie, ed ho sostenuto come potevo, scrivendone, commentando, discutendo, forse si avvera. Non penso che Pisapia abbia una bacchetta magica, ma se non altro è una persona a posto che ha sempre avuto sott'occhio i più deboli.
    Anche fosse stato un estremista di sinistra ( Alemanno? Maroni?) io credo che quelle idee da giovani, e la maturità e la conoscenza della vita acquistati nel passare negli anni, portano ad una grande apertura mentale, ad una certa saggezza. 
    L'importanza di questo voto, che sentono anche i non milanesi, è la sensazione che qualcuno stia riuscendo ad aprire la porta della gabbia in cui siamo chiusi, noi italiani, non solo i milanesi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...