all that jazz

ma petite noirVia Valprato è una via operaia di barriera, in Borgo Dora.
Qualche anno fa l'avrei giudicata insignificante, ieri notte mi è sembrata bellissima.

L'aria era quasi calda, la pausa sigaretta durante un concerto di jazz aveva riempito il marciapiede. Ero incazzata e parlavo al cellulare con mia figlia, che non voleva ascoltare.
Stavo proprio male, eppure sapevo di essere a casa. Chissà perché. In fondo, finché non sono partita, lì, a casa, non mi ci sono mai sentita.

Per fortuna, dopo, ho dormito.
Al risveglio mi sono guardata in uno specchio che mi fa bella e ho ricevuto un bel libro in regalo.
Ho rivisto mia figlia e c'è stato qualcuno che mi ha aiutato a parlare con lei.

C'era il sole, sul terrazzo proteso sulla valle era primavera.

Il budino di Ada era buonissimo, e anche il suo abbraccio.
Magicamente, è arrivato il secondo regalo: un ma petite noire da indossare anche al lavoro, come uno schiaffo a una vita che, certe volte, minaccia di diventare banale.

Tornando a Milano, a bordo di un'auto amica, ho pensato che questo piccolo viaggio che mi tocca (purtroppo solamente) una volta al mese e sempre troppo di corsa in fondo non è altro che una vertigine di risentimento, felicità, dolore, dolcezza, nostalgia.

E va bene così.

Grazie a Pietro per la pazienza.
Grazie a Cloud per la musica, le discussioni, i pensieri, il letto e il libro.
Grazie ad Ada per il tubino, per l'abbraccio e per il budino.
Grazie a mia madre per la conversazione sui profumi, davanti al caminetto.
Grazie a Sissi per il ritorno.

soundtrack:

Annunci

4 thoughts on “all that jazz

  1. Ada09 ha detto:

    No problem per la foto, figurati!! Grazie per i complimenti e ricordati che quelle mani sul tubino sono proprio le mie..

  2. utente anonimo ha detto:

    …come diceva Aznavour  "è stata una magnifica serata"! 🙂 
    un abbraccio
    Cl

  3. utente anonimo ha detto:

    Ciao carissima. Hai avuto un week end molto intenso. Da quello che si evince dal post, non vedi spesso la principessa e ogni incontro magari si carica di aspettative…Ma è una ragazza…crescerà. Lo sai meglio di me che le figlie provano la loro forza su noi madri, come un allenamento, e noi dobbiamo essere impermeabili, assorbire la rabbia loro, la nostra, e sorridere. Ma con quel nuovo tubino sarai uno schianto… Sei fortunata ad avere amiche così: abitino, budino abbraccio. Viola

  4. algaspirulina ha detto:

     è vero, viola, sono fortunata 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...