le vite degli altri

Mentre tutto, fuori, impazza sotto l'influenza del periodo natalizio e tutti si cacciano e si intasano nei supermercati, nei centri commerciali, da Ikea, in città il sabato pomeriggio, io prevedo che passerò la notte della vigilia sotto il piumone in compagnia dei miei libri di cucina e, nel frattempo, faccio cose semplici.
Più che semplici, basiche.

Per esempio, i germogli.

Con loro è stato amore a prima vista, diciotto anni fa, in Virginia.
Quelli di alfalfa (taccole) li vendevano al supermarket e sopra il pane spalmato di formaggio quark, a colazione, erano una meraviglia.
Freschi, croccantini, aromatici, delicati (e ovviamente farcitissimi di sali minerali, antiossidanti, proteine eblablaeblabla).

Sono squisiti, sono facili, sono divertenti da veder crescere e si fanno in casa, basta un germogliatore e un po' d'acqua. Il germogliatore è caro, così me ne sono fabbricata uno a costo zero, con le vaschette della verdura del discount.
Dopodomani saranno pronti da giustiziare, sulla crema di verdure o nell'insalata. Il loro sapore mi farà pensare ai cerbiatti che vedevo oltre la mia finestra, mentre facevo colazione, a Middleburg, mi consolerà delle cose che ho perso, mi confermerà che la mia attuale vita francescana, sobria e rigorosa, è buona è giusta.

Ooops, scusate.
Devo andare in cucina a tirar fuori dal forno la torta di nocciole, quella che si fa solo a La Morra, con le tonde gentili i.g.p. che mi sono portata a casa, uno degli ultimi weekend.

Magari poi vi passo la ricetta.

soundtrack:

Annunci

7 thoughts on “le vite degli altri

  1. Ada09 ha detto:

    Proprio ieri, durante il laboratorio con i bimbi, una bambina si è portata dietro la sua vaschetta con i germogli di lenticchie, che sono bellissimi.

  2. LaGamine ha detto:

    Uh che bello 🙂 Mi metterò anch'io a far germogliare i germogli, se mi dici che suoni così sfiziosi!
    Un abbraccio!

  3. utente anonimo ha detto:

    Ciao, passo per la prima volta, complimenti, mi piace l'ironia e la competenza di come e di ciò che scrivi! Andando a ritroso ho letto qs post, anch'io ci ho provato con i germogli, mi avevano regalato un germogliatore anni fa, ma mi succede una cosa che non so come risolvere…forse sbaglio, non so…io metto i germogli ed innaffio regolarmente, sotto l'acqua fuoriesce e ne rimane solo un poco x farli germogliare, quando sono pronti, non riesco a tagliarli x' sono molto fragili (mentre i tuoi nella foto sono più robusti, con i gambi più grossi..) e la parte sotto, per capirci i semini, diventa una pappa puzzolente e tipo mucillagginosa…insomma, a volte ho dovuto gettare tutto…forse uso semi sbagliati, ma li ho presi da natura sì e c'era scritto semi x germogli…o forse si ferma troppa acqua…ci vorrei riprovare, puoi darmi un consiglio? Grazie e ciao! Pandora

  4. algaspirulina ha detto:

    ogni tipo di germglio ha le proprie dimensioni, ma snche i più sottili si possono tagliare con le forbici.
    forse il problema sta nel fatto che il tuo germogliatore trattiene un po' troppa acqua, altrimenti non si spiega il perché della pappa puzzolente alla base.
    oppure non li sciacqui regolarmente due volte al giorno: non basta innaffiare, devi sciacquare delicatamente, fino al momento del consumo 🙂

    benvenuta e grazie per i complimenti!

  5. utente anonimo ha detto:

    Non ho ancora comprato un germogliatore. Uso una ciotola, tipo piatto fondo. Li sciacquo 2 volte al giorno, non fanno mucillagini, sono belli sani. però non vanno su in verticale, stanno tutti unpò gobbini . E non appena mostrano 2 foglioline, li lascio un giorno alla luca e poi li consumo o li metto in frigo in una scatola. Forse dovrei lasciarli di più, per  avere più parte verde. Non so. comunque sono ottimI !!! Viola

  6. utente anonimo ha detto:

    ops…io non ho mai sciacquato i semi, mettevo l'acqua ed effettivamente ne rimaneva un po' sul fondo x' sotto scolava lentamente da un buchino piccolo…proverò con le vaschette come fai tu, quindi vaschetta,(presumo senza buchi sotto, giusto?)  semi, acqua una volta al giorno x sciacquare ed a qs punto la levo, ok? Era tipo mucillagine, e puzzava la parte esterna del seme che conteneva il germoglio…e quali sono i semi che rendono meglio? Ci riprovo e vi farò sapere, grz x ora.

  7. utente anonimo ha detto:

    Per ora ho solo provato con i semi di soia verde. Con 2 cucchiai di semi viene un bel contorno x 2 persone. Io procedo così. Alla sera li metto a bagno in una ciotola piena d'acqua, come i fagioli x fare la minestra. Questo perchè la soia ha semi duri e grandini. Il mattino dopo sciacquo semi e ciotola. Per sciacquarli uso sempre un colino grande. Poi li rimetto nella ciotola, guardando che non rimanga acqua stagnante e copro il tutto con un tovagliolo xchè devono stare al buio. Li metto nel colino e li sciacquo mattino e sera per 4-5 giorni. Anche la ciotola va sempre ben pulita. Fai con delicatezza, perchè sono delicati. Man mano vedrai che si staccano le buccine e rimangono dei bei semini bianchi col loro germoglio. Quando mettono le foglioline io li lascio una giornata alla luce, senza tovagliolo, e poi li metto in frigo in una scatola con coperchio. E si consumano entro 2-3 giorni. Io lo faccio saltare in padella con un goccino d'olio e un pò di Tamari, la salsa di soia. Non so se è il modo corretto, ma così non vengono mai cattivi odori o muffe. Ciao e grazie ad ALga per lo spazio.  Viola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...