questione di cuore

Di lui so che è sano e non collude, è trasparente, e questo a volte spegne i miei ardori: i tipi che ti scatenano gli ormoni sono specchi, ti guardi e ti ritrovi.
Se vieni da una famiglia disfunzionale, quelli che ti fanno battere il cuore sono casi clinici, elementare.
Una delle più grandi sciagure umane è che ereditiamo da piccoli la definizione dell'amore, ciò che ti hanno dato tua madre e tuo padre, il modo in cui loro si sono amati, quella chimica che hai respirato.

[…]

Essendo sano, non mi stupisce con effetti speciali.
Mia sorella dice che le donne guarite devono creare nuove mappe emotive, e io mi chiedo: e che vuol dire?
Vuol dire che va bene se il cuore non frulla.

Imma Vitelli

soundtrack:

Advertisements

8 thoughts on “questione di cuore

  1. utente anonimo ha detto:

    …Va bene se il cuore non frulla!….. Ma e se riprende a frullare senza che ce ne accorgiamo? Se nostro malgrado si risveglia e tutte le bende in cui lo avevamo avvolto cadono di colpo, tipo alzati Lazzaro? Ma queste nuove mappe emotive non saranno solo eleganti alibi dietro cui si nasconde il nostro essere sempre, a qualunque età e nonostante il pesante vissuto, inguaribili romanticone?   Sigh sigh….che vergogna !!    🙂  Viola

  2. treeonthehill ha detto:

    Però….è un pò triste se il cuore non frulla, magari non come una centrifuga ma almeno come un minipimer…Ciao Alga, buona domenica :-))

  3. utente anonimo ha detto:

    Il mio cuore ultimamente ha "frullato" un pochino, ma mi sa che questa cosa sarà l'ennesima delusione che mi porterò addosso. E' brutto e triste se non frulla, ma se lo fa da solo, senza corrispondenza alcuna… Va bè è domenica pomeriggio, sono sola e mi sento sola….un pò abbacchiata.. E presto mi trasferiranno al lavoro…sto subendo una sorta di sottile mobbing…Ma qualcosa andrà bene prima o poi? Viola

  4. algaspirulina ha detto:

    appunto.ma se tutte le volte che frulla poi la cosa si risolve in una catastrofe…forse è proprio meglio rivedere le nostre mappe emotive.

  5. utente anonimo ha detto:

    Ci sto lavorando. Forse bisognerebbe buttarsi meno a capofitto, concedere all'oggetto del nostro interesse solo una parte di noi. Gli uomini sono quasi sempre capaci in questo.  pur se una donna è importante, ho notato che la collocano in un cassettino. La loro struttura è come un comò con tantissimi cassetti. Uno per l'amore, uno per il sesso, il lavoro, la mamma, i figli, il calcio, gli amici… Quando ne aprono uno, gli altri sono chiusi, come non esistessero.Noi siamo diverse. Mettiamo tutto insieme…E' questo il nostro bello, ma anche una debolezza a volte… Per cui se il cuore ha frullato a vuoto e ci sentiamo giù, lo siamo totalmente, perchè non abbiamo stipetti a cui attingere… Noi siamo più tipo bauke della nonna. Modesto parere di Viola

  6. algaspirulina ha detto:

    molto bella e vera questa cosa dei cassetti :-)però mi sa che si deve cambiare il tipo di oggetto… del nostro interesse, o qui non ce la sfanghiamo ;-Dhai visto com'è bello il sorriso (e lo sguardo interiore) del buddha?:-)

  7. utente anonimo ha detto:

    Bel post, mi incuriosisce…è la tua forza!!! E ci tiene legate! Approfondirò e potremo parlarne…e quello che mi colpisce è la frase delle "mappe emotive": che il cuore frulli, che sia la passione il motore di una donna (lo è?) …che gli uomini riescano a gestire le loro emozioni/passioni organizzandole in una cassettiera….(davvero è così? l'hai letto l'articolo su Pavese sulla Stampa?) si, forse, può darsi…ma la frase più interessante, più misteriosa è proprio quella sulle mappe emotive. "Le donne guarite (!) devono creare nuove mappe emotive". C'è una tale forza e un tale mistero in questa frase, da aprire tutto un mondo! grazie…un abbraccio. Buon lunedi. Cl

  8. utente anonimo ha detto:

    Sono Viola. Ho osservato a lungo il buddha. Mi pare che dica, col suo misterioso sorriso che lui già tutto sa. Niente di quello che può succedere nel mondo può smuoverlo…Dietro quelle palpebre socchiuse c'è tutto, il passato, il presente, il futuro. Mi dice di prendere gli accadimenti con un certo distacco, che il mio "essere" non deve mai farsi annientare dagli altri, che alla fine ogni cosa ha il suo senso di esistere, ogni cosa col tempo è concatenata ad altre….se si chiude una porta…. Grazie Alga x avermi fatta fermare a riflettere sul quel bellissimo e sereno volto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...