cosa voglio di più

SIC_022Un lettore di nome Emory mi ha proposto di aggiungere un nuovo termine al nostro lessico culturale: orgasmo intellettuale interpersonale. Questa è la descrizione di Emory: “L’orgasmo intellettuale interpersonale si verifica quando la conversazione con un’altra persona diventa così intensa che l’unica cosa che importa è il dialogo che abbiamo stabilito. Siamo così sintonizzati, così intellettualmente legati, da avere quasi la sensazione di star facendo l’amore. In quel momento è come se la persona fosse dentro di noi e noi fossimo dentro di lei. Siamo una cosa sola perché ci comprendiamo alla perfezione”. Te lo dico, Bilancia, perché in questa fase del tuo ciclo astrale hai più probabilità del solito di provare un orgasmo intellettuale interpersonale.

In fondo è bello, non aspettarsi niente.
In fondo è giusto prendere le distanze.

Gli ospedali, nuovi o restaurati, son sempre brutti posti.
Ma un libro di poesie certe volte fa miracoli.

La famiglia per alcuni può essere un nido di sicura tenerezza, per altri un vuoto di silenzio e di incomprensione.
Ma si può imparare a fare muro, e la palla (avvelenata) non passa.

Vagare tutta sola in una città che conosci come le tue tasche e che sai ormai totalmente estranea può essere triste.
Ma reinventarti da turista e scoprire un posto come questo qui, è invece moooolto piacevole…

Peccato perdere un film.
Ma una ronfata sul sofà davanti alla tivù, con gli amici, a pensarci bene vale molto di più, per un sacco di motivi.

È stato un weekend emotivamente complicato.
Ma è finito con una vittoria.
Soprattutto della Cami (alle regionali di volley), e anche un po' mia.

Io mi son portata a casa un equilibrio (seppur fragile) intatto e da mia figlia ho avuto (oltre ad una botta di orgoglio materno) un sacchetto di riso semifino Baldo RisoGreppi (la partita era a Vercelli).

Che è prontamente finito in pentola.
Anzi, in pentola a pressione 🙂

Per chi non teme la suddetta [;-)], la ricetta è questa.

Prendete una busta di mistofunghi surgelato e mettela a sfrigolare con uno scalogno tritato e un cucchiaio d'olio, all'interno del terribile ordigno.
Quando i funghi sono rinvenuti e la loro acqua si è asciugata, unite due dita di zenzero fresco grattugiato, salate, pepate e buttateci dentro una tazza di riso.
Fate tostare a fuoco vivace e sfumate con mezzo bicchiere di spumante, poi versate tre tazze di brodo vegetale o (meglio) di carne e una bustina di zafferano.

Incoperchiate la bomba H e al fischio contate sette minuti, tracorsi i quali trasportate la mina antiuomo nel vostro acquaio (tappato) contenente due dita di acqua fredda.

Non abbiate paura, la cosa non esploderà. L'espediente serve solo a bloccare la cottura e ad aprirla più velocemente.
Riposizionate la pentola sul fuoco alto e terminate in tre minuti la cottura, mantecando con un pezzetto di burro, un pugno di parmigiano grattugiato, molto pepe e un paio di cucchiai di finocchietto fresco tritato (vanno anche bene le barbe dei finocchi). Lasciate sedimentare per cinque minuti e servite.

Il Baldo era d.o.p., il mio umore accettabile e il risotto perfettamente all'onda. E molto godibile.

Prossimamente, come predice Rob, mi aspetta un orgasmo intellettuale interpersonale (che in effettti, come tutti sanno, è il genere di conversazione che più amo). Vediamo.

Tanto, io non mi aspetto niente.
È questo, il bello 🙂

soundtrack:

Advertisements

5 thoughts on “cosa voglio di più

  1. concajoni ha detto:

    Da tempo ho imparato, per necessità ma anche molto per virtù, ad apprezzare l'orgasmo intellettuale interpersonale a discapito di quello autentico ma assai più effimero. Incontrarlo è forse più raro ma anche più prezioso, non trovi? Viva Camilla! E anche il risotto.

  2. algaspirulina ha detto:

    certo che è più raro.ma, effetivamente, impagabile.p.s.e poi, tra me e te, è raro solo perché abiti dall'altra parte di milano 😉

  3. alicen ha detto:

    :-)Io odio e temo la pentola a pressione. Quando il Grinta la usa in cucina e quell'affaraccio inizia a fisciare io faccio come i gatti e mi rintano in bagno o in camera… pero' ora la tua ricettina la stampo e la smollo allo chef da fare una sera che io finisco di lavorare tardi, mooolto tardi :-P!!

  4. cilvia ha detto:

    vivaaaaaaa tutto qualsiasi cosa sia!!  :)))

  5. utente anonimo ha detto:

    maledetti marchingegni diabolici :Pestrellita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...