il pianista

Il Giorno della Memoria è ufficialmente passato da qualche ora e qualche ora fa mi sarei vergognata di postare una qualsiasi ricetta per rispetto alla fame che si fece nei campi e anche fuori, durante la Shoah.

Ma ieri sera ho visto Il pianista insieme a Pietro e, tra le altre cose, lui è rimasto colpito dal fatto che, per tanta gente, una pagnotta in quei giorni lì potesse rappresentare una ricchezza.

Allora ho pensato che domani me lo porto qui in cucina e faccio il pane con lui.
E se ha ancora domande, dopo le cento che mi ha fatto ieri, cercherò delle risposte, intanto che impastiamo, il più lentamente e il più a lungo possibile.

Sarà un pane scuro e, spero, un buon modo per ricordare.

soundtrack: –

Annunci

2 thoughts on “il pianista

  1. Ada09 ha detto:

    lo sarà di sicuro.

  2. lorypersempre ha detto:

    A casa mia il pane è tuttora sacro, non se ne butta neanche una briciola.
    A dire il vero il cibo è tutto calibrato in modo da evitare sprechi.
    Ebbbravo Toto, almeno in questo 😉
    Leela

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...