nessuna notizia da dio

Fa un freddo boia.
Fa così freddo che le dita ti fanno male, se stai all’aria aperta per più di dieci minuti.
Ha smesso di nevicare già da ieri notte, e la neve è tutta ghiacciata e bisogna stare attenti a non scivolare.

Sto chiusa in redazione un numero imprecisato di ore e confondo un giorno con l’altro perché gli orari di un giorno sono spostati su un altro.

Al mattino gli occhi mi lacrimano, gli occhi che oggi pomeriggio una persona ha trovato così belli.

Certe notti non riesco a prender sonno, anche se sono sdraiata, col gatto che mi ronfa sulla pancia.
Allora certe volte piango, perché tutto mi sembra granitico e immutabile e faccio domande a cui non ottengo risposte.

Certi giorni mi faccio forza e tiro dritto e provo anche a sorridere perché, da qualche parte, ci devono pur essere cose per cui val la pena di sorridere.

Poi, tra capo e collo arriva l’ennesima mazzata e allora scappo al cinema a vedere un film qualsiasi, tipo stasera, che avrei visto anche l’Esorciccio, pur di non pensare.

E se qualcuno dice che merito il centuplo di ciò che desideravo e non ho mai avuto, io rispondo che non sempre funziona così, non è una regola di natura.
Ho ancora abbastanza cervello per sapere che il mio è un percorso.
E io lo accetto.

Anche se, al posto del centuplo, preferirei un commiato indolore, quando avrò eseguito i miei compiti.
Quello sì, che sarebbe un bel regalo.

soundtrack: Aria di neve, Sergio Endrigo

Advertisements

7 thoughts on “nessuna notizia da dio

  1. ladygabibbo ha detto:

     bè speriamo il più tardi possibile:)

  2. algaspirulina ha detto:

    no, purtroppo.

    e mi dispiace perché, come blogger, sento la responsabilità di ciò che scrivo nei confronti di tutti quelli che mi leggono.

    i miei post non sono solo un semplice sfogo, altrimenti avrei chiuso un anno fa e mi sarei trasferita su fb, a cazzeggiare.

    ma la situazione è veramente difficile e complicata.
    so che sono letta tutti i giorni da persone che si servono di quello che scrivo per danneggiarmi. se fossero estranei me ne fregherei, ma non è così.

    in quest’anno ho perso tutto quello che avevo (perfino la credibilità che si accorda a qualsiasi essere umano), saranno contenti.

  3. lorypersempre ha detto:

    A volte il peso della maschera che la vita ci impone si fa insostenibile 😦
    Se posso aiutare, da perfetta sconosciuta, accomodati pure 😉
    Leela

  4. sim.64 ha detto:

    per caso sono passata di qui, e questo post e il tuo commento #3 avrei potuto scriverli io.
    credo che non ci sia nulla che io possa dirti e che tu già non sappia, da quello che scrivi mi sembri una persona concreta e con le idee molto chiare su quello che è la vita.
    Volevo solo dirti che c’è qualcuno che senza bisogno di sapere cosa ti è successo, e senza bisogno di dirti cosa è successo a lei, comprende il tuo stato di sofferenza.

    Un abbraccio

  5. algaspirulina ha detto:

    semplicemente (e realisticamente), quando non ci si può difendere non rimane altro da fare che raggomitolarsi e tenere duro.
    alla mia età è lecito fare un bilancio delle proprie abilità e penso che, se non altro, sono abbastanza brava a resistere 😉

    anzi, resistere (e cucinare, o meglio resistere cucinando) è diventata la mia specialità.
    anche grazie a voi 🙂

  6. sim.64 ha detto:

    mamma mia! mi sa che cucini proprio bene!
    smack!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...