l'ora di punta

bassQuesto bassotto impaurito e nauseato dalle curve in discesa mi ha fatto compagnia per un tratto del mio viaggio.

A dire il vero, un viaggio che è stato un weekend che è stato un viaggio.

Ho viaggiato col treno, con i piedi, con la testa, con gli occhi.

Ho visto persone che amo e persone che non avrei mai pensato di incontrare.

Ho fatto tanti sogni, di notte, e tanto strani.

Ho capito che la giustizia non è di questo mondo, ma non ho capito (bene) se la felicità bisogna meritarsela, oppure, semplicemente, succede.

Forse è proprio vero che di fatto non esistiamo finché non c’è qualcuno che ci vede esistere, che non parliamo finché qualcuno non è in grado di comprendere ciò che diciamo; in sintesi, che non siamo del tutto vivi finché non siamo amati.

Questo lo dice Alain de Botton in Esercizi d’amore.

Invece io me ne vado a dormire, ché c’ho le gambe stanche.

soundtrack:

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...