good night and good luck

Mi sono iscritta a Fb in tempi non troppo sospetti (era marzo dell’anno scorso, credo) e lo uso principalmente per parlare con la Silvia quando la Gine tiene occupato il telefono, oppure è troppo tardi, di notte, e sveglierei l’intera famiglia.

Poi, lo uso per comunicare con i miei amici di Torino o con i miei compagni di liceo, alcuni li amo molto ancora adesso.

Ho ritrovato persone che credevo di aver perso di vista, e questo è bbbuono, ma comunque preferisco parlarci a voce e trovo assurdo limitare il mio contatto con gente con cui ho fatto cose, anche importanti, esclusivamente a questa piattaforma (ma lo stesso vale per gtalk o skipe o gmail): con chi non voleva capire, ho chiuso. Mi sembra giusto così.

Tengo ben distante il mio blog da Fb perché il blog è il blog: per nulla al mondo lo scambierei con qualcos’altro.
E se non va più di moda, paz.

E sì, lo confesso, ho anche un pet.
È il frutto di un momento di debolezza e di sentimentalismo e probabilmente di solitudine (e vi prego, non prendetemi per stronza, sto parlando per me).
In teoria dovrebbe essere carino, in realtà ho sempre troppo poco tempo e in più Safari non è adatto (nella configurazione del mio Mac, ma non vorrei dire fesserie, io su queste cose tecno so’ ignorante) a giochicchiare con quelle robe lì, allora passo su Firefox ma poi mi si inchioda il mouse (nonsopecché) e anche fare la doccia a ‘sto pet diventa un’agonia.

Anche nella vita di tutti i giorni sono un mezzo orso, e così non mi frega nulla di portare il mio pet al bar, o se vado a trovare i pet delle mie amiche mi dispiace che tutto si traduca in soldi, così ci vado poco e (manco a dirlo), come nella vita di tutti i giorni, sono poverissima.
Questo è buffo, perché, per una volta, la realtà virtuale assomiglia a quella reale 😉

Beh, insomma, quando capito nella casetta del mio pet (piùommeno ogni tre giorni, altrimenti mi viene il nervoso a manovrare un mouse impazzito) lo lavo (dopo un po’ gli volano intorno le mosche e ci faccio brutta figura), gli faccio le coccole e coi pochi soldi che c’abbiamo lo porto al negozio di alimentari a far la spesa.
Compro formaggio, pane, una fragola e il mais, tutte robe che costano poco (sono abituata a fare economia anche nella vita reale: per esempio, da oggi alla fine del mese mi devo far bastare trenta euri) e poi torniamo a casa (che è davvero spartana, abbiamo due stanze e il lavandino in camera da letto, come nelle pensioni di terz’ordine) e si mangia.
Poi trascino il pet a nanna et adieu.

Mi sono capitate ultimamente alcune persone che, dall’altro capo del mondo, volevano fare amicizia con me, su Fb.
Siccome sono un po’ tonta, ho accettato.
Per poi scoprire che volevano aggiungere contatti ai loro pet (per fare più visite e guadagnare più soldi per stipare le case di mobili e comprare vestitini e diademi e tazze e piattini).

Per esempio una ragazza cinese che vive a Dubai, quando le ho chiesto come mai mi avesse contattata (insomma, se era per fare amicizia), mi ha risposto: ma è per fare soldi col pet, chetticredevi?

Allora ho pensato che era l’ultima volta.
Già molte cose di Fb non mi fanno impazzire, figuriamoci ingombrarmi di amici che manco so chi siano.

Dopo qualche giorno la tipa cinese mi ha scritto e, omaggiandomi di un gambo di sedano [:-D] per il mio pet, mi ha ringraziato per la nostra (?) amicizia (?), ma mi ha comunicato che purtroppo (?) doveva farmi fuori, perché i troppi contatti le rallentavano il pc.

Le ho risposto che, ehm, veramente forse lei usava (Fb a parte) la parola amicizia in un’accezione leggermente diversa dalla mia.
E che, lo stesso le auguravo buona fortuna, per i suoi guadagni futuri.

Buona notte e buona fortuna.

soundtrack: Stand, R.E.M.

Annunci

2 thoughts on “good night and good luck

  1. lorypersempre ha detto:

    Ecco, la dubaiese sembra impersonare esattamente quel tipo di persone che spedisco mentalmente – e non solo – a c@gare in un batter d’occhio.
    Meglio, molto meglio le persone povere, sole, imbranate, ma con un cuore…vere 😉
    Leela

  2. monicaBionda ha detto:

    io – che sono un op’ orso nella vita, anche se alcune conoscenti non mi credono quando lo dico – su FB mi sono data una regola: accetto l’amicizia (o la chiedo ) solo da persone che ho incontrato dal vivo almeno una volta. e già così ogni tanto mi incarto…
    🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...