addio fratello crudele

polpette

Non capisco niente di calcio.

Essendo in quel senso agnostica, appartengo al genere di donne che, come giustamente dice Chinaski, tifano non per la squadra del cuore, bensì per la squadra dell’uomo del cuore (e non mi vergogno ad ammetterlo).

Sono stata allo stadio solo una volta in vita mia e stranamente era rettangolare.
E io che mi ero preparata sulle curve, ché quello di Torino ne ha ben due 😉

Ci sono andata volentieri anche se avevo un po’ paura e, veramente, non avevo paura della gente quanto delle mie emozioni.
Per dire, a me viene da piangere se sento suonare una banda, figuriamoci un sacco di gente che grida ed esulta.

Quella volta la partita non era una vera partita: era una specie di amichevole con un’altra squadra della quale non ricordo il nome, quindi eravamo quattro gatti (insomma, giùdilì), con qualche bandierina stenta che sventolava qua e là.
I sedili erano sporchissimi e pieni di gomme masticare appiccicate sotto, ma a me quella volta ha fatto un grande effetto.

E stasera, quando ho sentito alla radio che i tifosi italiani hanno aspettato il momento dell’inno nazionale del Montenegro per fischiare, ci sono rimasta male.

Stavo preparando le famose polpettedicarnedibollito ed ero già un po’ triste.

Così sono diventata un po’ più triste.

Insisto, non capisco niente di calcio, magari in fondo le dinamiche del tifo sono queste: ti fischio (e ti odio anche un po’) perché sei altro da me, mica perché giochi male.

Anzi, prima di tifare per me, tifo contro di te.

Eh.
Sarà perché sono un po’ (finalmente) stanca.
Sarà perché ho ricevuto la mia buona dose di merda via mail.
Sarà perché a quest’ora non ho ancora staccato e mi aspetta l’acquaio pieno di piatti.

Ma poi alla fine è così che funziona, nella vita, no?

soundtrack: 

Annunci

2 thoughts on “addio fratello crudele

  1. Ada09 ha detto:

    No. Dopo svariate primavere e autunni, io dico ancora di no. E mi illudo anche un pò, che esista la dignità, il rispetto e anche lo spirito sportivo.
    Ma tanto il calcio non è sport, non da noi almeno.

  2. ladygabibbo ha detto:

    il tifare contro credo sia la più grande forma di stupidità…nello sport come nella vita r fischiare un inno nazionale è proprio da ignoranti
    ciao algabella:)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...