il comune senso del pudore

Non so mica, se andrò a vedere Caos Calmo.
Forse è meglio se prima leggo il libro, magari è bello.

No, è una misera scusa.
Io lo so, perché non ho voglia di andare a vederlo.
Mi vergogno un po’, però sì, è per la famosa scena di sesso.

Se ne è parlato tanto, in questi giorni.
Anale o no, vestiti o no, si tratta sempre di sesso.
E, forse, anche di amore.

CEI a parte, la verità è che mi imbarazza vedere Nanni Moretti (che io stimo come attore e regista, e mi è pure simpatico, nonostante il non facile carattere) che fa quelle robe lì.
È una questione di affetto, non di stronzaggine.
Come quando andavo tanto a teatro e vedevo gli attori che si impappinavano: arrossivo per loro.
Capita, e non capisco se è perché non è capace, o perché è troppo "vero".

La stanza del figlio mi è piaciuto e ci ho pure pianto

ma c’era quella sequenza (di sesso, no?) con Laura Morante, che, insomma…

Allora, ho sguardazzato su Youtube e, da quel poco che ho visto mi sembra che valga la prima che ho detto (cioè che non è capace), ma non so, se fosse vera la seconda
A me, il sesso piace un sacco però penso che sia una cosa molto ma molto intima, e delicata.
Cioè, non mi va di guardarlo "dal vivo", mi basta il mio.
Per dire, non mi interessano i video porno amatoriali sul web (e non per una questione morale).
E anche quello "finto": ho visto un paio di film con John Holmes, ma mi sono annoiata.

Trovo molto più bella ed eccitante una sequenza come quella che ho postato qualche giorno fa.

Boh, sono un po’ confusa di mio, e mi è partita la corrente, così ho dovuto riscrivere il post due volte.
Non so se sono riuscita a spiegare perché non so mica se andrò a vedere Caos calmo.

soundtrack: Respect, Aretha Franklin

Annunci

9 thoughts on “il comune senso del pudore

  1. ladygabibbo ha detto:

    mi sento anche io come te nelle scene di sesso…mi imbarazza vederle..mi pare di frugare nell’intimo delle persone.
    buonaotte bella, smakk

  2. treeonthehill ha detto:

    Io ero indecisa se andare a vedere il film, ma la cei mi ha convinta: andrò!

  3. lorypersempre ha detto:

    Ho letto il libro: metà carino, metà noioso. La descrizione della famosa scena alla “Ultimo Tango a Parigi” è nella seconda categoria.
    Dubito che vedrò il film anche perchè Moretti mi sta pesantemente sulle
    Leela

  4. billo973 ha detto:

    ti capisco benissimo.
    è come se andassi a vedere un film con una scena di sesso girata…che ne so…da un mio professore…o un mio vicino di casa…mi imbarazzerei proprio.
    il libro, comunque, a me è piaciuto.
    billo

  5. utente anonimo ha detto:

    sto finendo di leggere il libro che ho cominciato ieri mattina. mi sta piacendo molto ma, arrivata alla famosa scena di sesso sono rimasta molto perplessa: è brutta, confusa, assolutamente non erotica, sembra che veronesi cambi marcia e registro solo in quelle pagine.
    nonostante ciò non vedo l’ora di vedere il film.
    lo sai che mio fratello non vuole vedere il film per non vedere moretti che fa sesso? un po come te..
    gli ho chiesto se non crede di esagerare con l’identificazione…
    ciao
    gazzella

  6. concajoni ha detto:

    Tanto per cambiare, la penso esattamente come te, e non andrò a vedere caos calmo. Adesso cerco di spiegarti perchè, anche se è un po’ quello che hai già detto tu. Secondo me, Moretti non è un attore, e anche quando indossa la tonaca del prete, quello che vedi sullo schermo non è Michele Apicella, ma è sempre lui con le sue idiosincrasie che dopo trent’anni abbiamo imparato a conoscere e ad amare. A tal punto che ieri mi sono collegato in streaming con il festival di Berlino per la conferenza stampa. E ho appreso, dalla domanda di un giornalista, che la famosa scena è anche esageratamente lunga, e non ti dico come si arrampicava sui vetri il regista a spiegargli il perchè…

  7. nonnacarina ha detto:

    Ho visto Moretti ieri sera nell’intervista a proposito della censura della Cei, e mi è parso molto imbarazzato, forse più che nella famosa scena di sesso che – dicono- per girarla si è dovuto fare un paio di birre.
    Comunque per tornare ad argomenti seri mai sentita la Cei tuonare contro i famosi film di Natale della celebre ditta De Sica -Boldi o chi per lui.
    Mi sbaglio o – almeno a giudicare dai trailer – non è proprio il tipo di spettacolo giusto per una famigliola in clima perdipiù natalizio? Oltretutto si tratta di prodotti puramente di cassetta e senza alcuna ambizione intellettuale credo.

  8. searcher ha detto:

    Vado.
    No, non vado.
    Vado.
    Mi si nota di più se non vado o se vado e chiudo gli occhi durante la scena incriminata?
    Non vado.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...