meeting venus

Questa signora qui, ha circa venticinquemila anni.
Si chiama Venere di Savignano e non rispetta propriamente i canoni estetici contemporanei.

Eppure, a modo suo, è bellissima e mooooolto sexy.
Guardatela bene, ha in evidenza tutte le parti migliori di una donna (cervello a parte, ovviamente).

Un bel paio di tette per giocarci e/o per allattare.
Una pancia rotonda da accarezzare e all’occorrenza, pronta ad accogliere un bambino.
Un culo che nemmeno JLo, e che invidio tantissimo 😉

Racconta il miracolo della femminilità, intesa come accoglienza, abbondanza, morbidezza, naturalezza.
Concetti che, per una serie di motivi, ultimamente ci siamo dimenticati (tutti quanti, anche noi donne).

È un’icona ormai fuori dal tempo e quindi sempre attuale, al di là delle apparenze che una società ormai esasperata (ed esasperante) ci vorrebbe imporre.

Se volete saperne di più e, soprattutto, se siete di Roma e volete riportarla a casa, leggete qui.

soundtrack: Hot stuff, Donna Summer

Annunci

6 thoughts on “meeting venus

  1. nonnacarina ha detto:

    La Venere steapigia mi ha sempre fatto impazzire, e pensare che anche dal punto di vista estetico ci facciamo imporre il modello di donne scheletriche, buone solo come grucce a cui i Grandi Sarti (non a caso quasi tutti gay) appendono i loro abiti importabili.
    Per quanto riguarda il culto della Grande Madre sono millenni che gli uomini non solo l’hanno rimpiazzato con il loro modello guerrafondaio, ma ne negano persino la passata esistenza
    Per non parlare della curia romana, che ha demonizzato la donna pretendendo addirittura una madre-vergine e tentano di sostituirla indossando loro la gonna…

  2. utente anonimo ha detto:

    Fisicamente nulla da dire. E’ una bonazza.
    Solo non mi convince molto l’acconciatura da asparago-barbapapa’.
    Alice

  3. utente anonimo ha detto:

    A chi mi dice che ogni anno divento più “generosa” nelle forme (ma la faccia di chi intende “buzzicona”) rispondo che sì, spero di diventare prima dei 50 come la potnia teron, simbolo di fertilità mediterranea, di vita, procrezione e abbondanza. loro si tenessero nel letto quei romucchietti d’ossa che girano negli ipermercati!!!

  4. Noushin ha detto:

    io devo essere l’unica ragazza della mia età che si cruccia per le sue poche forme….sono molto piccola di costituzione e non ingrasso mai in modo armonico…e mi sento poco femminile proprio per questo!
    e vedo ragazze di quaranta chili che si sentono grasse….mah…

  5. nonnacarina ha detto:

    L’essenziale è accettarsi e piacersi come si è, poi le altre persone si uniformano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...