persepolis

La pentola a pressione sibila sul fuoco, deodorando la casa di costine di maiale con i crauti e le olive nere.
È una ricetta semplice ma deliziosa, mia madre preparava questo piatto tutte le volte che il mio fidanzatino storico veniva a cena.
Lui se ne mangiava quintali e sua madre, dall’invidia, si era subito iscritta ad un corso per Cordon Bleu.

Avere i kids a pranzo tutti i giorni è un po’ un piacere e un po’ un casino: non mi va di sbattergli lì una bistecchina e così mi faccio assorbire nei cucinamenti per ore.
Sarà che è il mio punto debole  ;-), poi però alla fine mi sembra di non avere tempo per molto altro.

Mi consolo pensando che in fondo è una maniera importante per prendermi cura di loro, che ultimamente sono così sfuggenti.
Oppure per farmi perdonare, ché certe volte sono sfuggente anch’io.

E siccome, oltre al cibo per il corpo, per tirar su i figli ci va anche il cibo per la mente, ho pensato che li porterò a vedere Persepolis della giovanissima e genialmente coraggiosa Marjane Satrapi , appena esce.

Ne ho sentito parlare da Concita De Gregorio, una delle mie giornaliste preferite e sono strasicura che sarà un buon modo di nutrirli: un piatto un po’ diverso, con profumi e sapori che vengono da lontano, ma che vale la pena di assaggiare.

Avere dei figli buongustai (in tutti i sensi) per me è un punto d’orgoglio.
Non so se l’avete capito 🙂

p.s.
aggiornamento per misstì che vuole la ricetta delle costine 🙂

dunque, si va dal macellaio, ci si fa dare sei costine di maiale non troppo "grasse" e si chiede al tipo di tagliarle in due.
si torna a casa, si versa un filo d’olio extravergine di oliva nella pentola a pressione e si mettono le costine a rosolare piano piano.
nel frattempo, si sminuzza con un coltello affilato una bella cipolla bionda e si aggiunge alle costine.
si sala e si pepa.
mentre la cipolla appassisce, si denocciola un pugno di olive nere, di quelle tostate al forno, ché sono più saporite.
si tritano grossolanamente e si schiaffano anche loro in pentola.
si prende una piccola verza bianca e si taglia a julienne, si sciacqua e si unisce alle costine con tutta l’altra pappardella.
magari in due tempi, la verza è per sua natura un po’ stronza: sembra che prenda chissà quanto spazio, ma dopo un paio di minuti va in niente.
come per tutti gli stronzi con cui si deve avere a che fare, vale la solita regola, cioè basta saperlo 😉
appena la verza si è giustamente ammosciata la si spruzza di aceto balsamico, oppure di aceto rosso, se vi piacciono i gusti più decisi. andateci pure abbondanti.
intanto si prepara un mezzo bicchiere di brodo vegetale: vedete voi come farlo.
si versa il brodo nella pentola e la si incoperchia.
al fischio, dieci minuti.

bon appétit, misstì.
e non solo a te 🙂

soundtrack: Mio fratello che guardi il mondo, Ivano Fossati

Annunci

10 thoughts on “persepolis

  1. cilvia ha detto:

    bello!! ma quando esce?

  2. gattobiso ha detto:

    totalmente d’accordo su figli e orgoglio.ma che pazienza ci va a bucare la loro pigra diffidente apatìa?? che poi, quando han detto sì – metti per una sera a teatro- sto lì a vedere l’esito con un batticuore che neanche quando cercavo di incantonare la morosa…..

  3. gattobiso ha detto:

    …e , a proposito della traccia di oggi, non mi pare male neanche *ci sarà(vita controvento)*,sempre di I.F….hai presente?
    ( inseguirò *persepolis*,stanne certa-grazie)

  4. missT ha detto:

    costine di maiale con crauti e olive nere? No dico, postare la ricetta please
    🙂

  5. lorypersempre ha detto:

    Ah, ecco come mai sul post inferiore si defeca tanto!
    Con tutte quelle verze grasse… 😉
    Leela

  6. tiptop ha detto:

    cos la tua suocera mancata potrei averla mangiata tra le cotolettine dell’Aia?

  7. Veejay ha detto:

    sono solo le 09.38 del mattino ma dopo aver letta la ricetta mangerei già questo bel piatto..

  8. utente anonimo ha detto:

    il tuo blog è sempre pieno di informazioni e consigli utili…
    che bello!!!!
    HB

  9. ladygabibbo ha detto:

    si si era notato cris:-)
    che ricetta appetitosa, anche se data l’ora mis embra pesantina:-)

  10. missT ha detto:

    Grazie Alghetta cara, non avrei mai abbinato il maiale alle olive…l’associazione verza-stronzo è favolosa
    :))))

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...