le parole che non ti ho detto 2

Sei stupida.
Sei anche ignorante, ma te la tiri un sacco.
Con quell’aria spocchiosa, guardi tutti dall’alto in basso.
E quando arriva qualcuno di nuovo, ti avvii con passo ciondolante che tu immagini essere sexy, mormorando tra i denti che cazzo vuole, questo qui.

Hai sempre l’aria scazzata.
Passi la vita al cellulare, miagolando in spagnolo.
Peccato, hai pure la voce da papera.
Tu credi che non capisca, invece sì: per ragioni famigliari, io la tua lingua la comprendo benissimo (tiè) e lo sento, che parli male di tutti.

Vuoi fare la capa ma non hai gli strumenti.
Ti manca il buon gusto, l’educazione, anche solo il senso comune.
Mandi in vacca il mio lavoro e non ti rendi conto che ti stai fregando con le tue manacce (unghie di resina comprese).

Hai pure il culo basso, e i cuscinetti debordanti.
Non ci sarebbe niente di male, ma tu credi di essere Monica Bellucci.
Parli solo di te, di quanto sei bella e in gamba.

E spari sempre quelle dannate salse e bachate a palla, io non le sopporto.
Non le sopporto, capito?

Oh, adesso mi sento meglio.
🙂

soundtrack: Non ti sopporto più, Skiantos

scappo dalla città

Sono stanca come una bestia stanca.
L’herpes simplex mi sta devastando il labbro inferiore.
Non ho ancora capito se mi pagheranno, oppure no.
Pietro ha portato a casa quattro note [per Concajoni: do, re, mi, fa ;-D]
E pure un topo nuovo.
È scoppiato una specie di casino, può darsi che mi arrestino.
Riordinando, mi è caduto addosso un coperchio di taglio e mi ha quasi aperto il mento: lo sbrego è piccolo ma ha sanguinato tanto (manco un film di Tarantino) ed ora mi brucia da morire.

Quasi quasi mi faccio fare un t.s.o.
Quando lavoravo in ospedale l’ho visto, il repartino.
Mica male.
E quanta bella nanna, con una flebo di valium nel braccio.

soundtrack:

nessuna pietà

Devo firmare un avviso sul diario della Cami.
Lipperlì non trovo una penna, manco a pagarla (non so se avete idea, quando ci sono ragazzini in giro…).

Aspetta un attimo, Cami, ma dove diavolo avete cacciato le biro?

Cazzonesò, mamma, scrivi col sangue.

soundtrack: Scrivi il tuo nome, Lucio Battisti

la femme d'àcôté

http://images.google.it/imgres?imgurl=http://www2.comune.venezia.it/letturagevolata/up/paragrafi/thumb.php%3Fgd%3D2%26src%3Dascensore.jpg%26maxw%3D340&imgrefurl=http://www2.comune.venezia.it/letturagevolata/pagina.asp%3Fidmenu%3D293&h=300&w=300&sz=11&hl=it&start=13&sig2=ZUbzNVirWRQMIYO6TgxH7w&tbnid=JpCXKbs8Cg0BiM:&tbnh=116&tbnw=116&ei=92lMR6HfM5XsiQHs_MihCw&prev=/images%3Fq%3Dascensore%26gbv%3D2%26svnum%3D10%26hl%3Dit%26sa%3DGLa Signoradelterzopiano (quella di Samsara) da giovane dev’essere stata splendida.
Lo è ancora adesso, per i suoi ottant’anni (dichiarati da lei stessa).
Alta, bionda, incedere da regina (ma svelta ed elastica, deve avere fatto tanto sport, oppure la mannequin), uno stacco di gambe da urlo.
E, naturalmente, très chic con il suo cappottino con il martingala e il cap da cavallerizza, e i guantini di pelle testadimoro che lasciano vezzosamente scoperti i polsi sottili.
No, non è ridicola neanche un po’.
Facciamo una specie di Rossella Falk, ma meglio.

Nei suoi sueggiù in ascensore, Pelledasino ogni tanto si imbatte nella visione della sua porta aperta.
Un bel quadro, circa fineseicento.
Una cassapanca scura, vasi di fiori freschi recisi, un tappeto persiano, il suono di un pianoforte.

Nonostante l’aspetto regale, la signora del terzo piano è gentile con Pelledasino.
Tutte le volte che prendono l’ascensore insieme le dice buongiorno, bella ragazza.
Non è che Pelledasino ci creda, ma è carino lo stesso, sentirselo dire.

Questa mattina Pelledasino è in ritardo sulla tabella di marcia, causa spesa, e in un’ora ha dovuto produrre tre torte salate, due vassoi di croissants salati e tre di tartine burrosalmone.
Come risultato, è ancora più arruffata del solito.
Facciamo Paperoga?

In ascensore, la Signoradelterzopiano si fa circospetta.
Sussurra a Pelledasino: non lo dica a nessuno, ma la signora Caprini, quella bruttona del secondo piano, è scocciata perché la vede carica di piatti. Ma lo sa che ha scritto qualcosa proprio qui, vicino alla tastiera?
Me lo legge, per favore? Io non ci vedo bene.

Curvandosi sulla famigerata pila di piatti, Pelledasino aguzza la vista sulla parete di legno lucido.
Incisa (probabilmente) con un coltello a serramanico, legge la scritta fuck.

Un tantino imbarazzata, riferisce alla Signoradelterzopiano: mah, è una parolaccia in Inglese.

E lei, soavemente: beh, dopo ci vengo con il lucido, e la cancello.
È solo a quella lì, che le sta in culo che lei trasporti piatti, bellezza.
Al resto del condominio, non glie ne fotte un cazzo.

O_o

soundtrack: My Lady d’Arbanville, Cat Stevens

tempo

Ascoltando la radio, questa mattina, e leggendo questo post, mi sono resa conto che i miei tempi sono veramente minimi.

Per una serata fuori, trentacinque minuti secchi: doccia/shampoo, asciugatura corpo e capelli (sono quattro, non ci metto niente), spalmaggio lozioni, trucco e vestizione.
In pratica, mentre faccio la doccia penso a cosa mettermi e se per caso non trovo, arraffo qualcos’altro.

Di solito mi caccio in vasca alla sera, per cui al mattino impiego cinque minuti tra abluzioni varie, tre per il trucco, tre per vestirmi.
Nel frattempo ho messo su il caffé.
Altri tre minuti per i denti, prima di uscire.

In compenso, ci metto dieci minuti (di litanie) a schiodare i kids dalle brande, altri dieci a ricercare nel marasma le loro mutande e i loro calzini (sempre rigorosamente spaiati), cinque per la preparazione della colazione e un quarto d’ora buono per rincorrerli con i libri e i diari mancanti.
Altri cinque per riprendermi, dopo che sono usciti.
Quindi, sforo i quaranta del comunicato Ansa.

Poco male, non ho uomini da sfinire nell’attesa.

Però non so.
Va bene che ho meno tempo per me ma, lo stesso, le poche volte che ne avrei, non lo uso per farmi bella.
Probabilmente non ne ho più voglia.
E si vede 😉

Eppure, ogni tanto ho nostalgia di quando avevo vent’anni.
Quando la parte più bella della serata erano i riti di preparazione.
Forse perché non si sapeva ancora come sarebbe andata a finire.

Ora, invece, sì.

soundtrack: Time (clock of the heart), Culture Club

mein führer

Stavolta no.

Stavolta, sono insorta.
Avevo invitato un’orda barbarica di maschi, amici di Pietro, per:
a) cinema
b) cena
c) nanna.

La cena a base di hamburger e patatine [anche se mi frustra come chef ;-)] ci sta.
Ci sta pure combattere con tre assatanati che saltellano sui letti fino alle due del mattino.

Ma andare a vedere La leggenda di Beowulf, quello no, non ce la potevo fare.
Mi sono ciucciata Transformer. E ho dormito.
I Piratideicaraibiparteterza. E ho dormito.
Tutti gli Harrypotter. Dormito, dormito, dormito.
Devo smetterla di pagare sette euri per ronfare al cinema.

Così mi sono ammutinata. E ho proposto al piccolo dittatore un negoziato: pappadiporcate e nondormire in cambio di un film decente.
Li ho trascinati a vedere questo.
Gli è pure piaciuto, pensa te.

Poi ero contenta, fanculo ai sensi di colpa, dopo cena ho perfino fatto il rotolo di pandispagna con la Cami senza litigare.

Si vede che oggi era la mia giornata della ribellione.

Perché ho addirittura stoppato di brutto mia madre al telefono, quando le ho detto che il lavoro va bene, ma non so quanto durerà.
E lei, soavemente, mi ha risposto: beh, ma se sei stufa, e fai la faccia scocciata, per forza non durerà.

Io non sono stufa del lavoro (anzi mi piace, anche se è un gran culo).
Sono stufa di farmi mettere dentro delle cose che non sono mie.
Stufaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa.

È chiaro?

soundtrack: My way, Sex Pistols

un angelo alla mia tavola

Cara Annie,
ti ascolto da tanto tempo, fin da quando facevo l’università e tu portavi la mascherina nera e cantavi Sweet Dreams (are made of this).
Ti ho vista millenni fa, al Palatrussardi, bella e spavalda e un po’ androgina, con quel cappotto di pelle e il reggiseno rosso fiamma.
Ero in mezzo alla calca, con i brividoni che mi andavano e tornavano dalla testa ai piedi, e pensavo che eri tostissima.
Così tosta che sembravi quasi un marziano.

Poi ti sei messa a fare musica da sola e, nel frattempo, ti sono capitate delle brutte cose.
Così, per me, sei diventata un po’ meno marziana.
Ma non per questo meno tosta: insomma, sei una che, nonostante tutto, ha tenuto duro.

Il tuo ultimo album è bellissimo, mi fa tanta compagnia.
Però, non è questo il punto.

È che stasera, mentre mangiavo, ho sentito Massimo Cotto che ti intervistava su Radio Capital.
Non era facile seguire: i kids facevano (come sempre) un gran casino e io ero così stanca (oggi ho lavorato dieci ore di fila in piedi, c’è il Turin Film Festival, ho dovuto raddoppiare la produzione).
Hai detto una cosa fantastica: che, ogni tanto, vorresti soffrire di amnesia.

Sapessi quanto lo vorrei, anche io.

E la cosa più bella che ho captato è stata la tua voce, calma, tranquilla, sicura, meravigliosa anche quando non canta.
E, soprattutto, la tua pronuncia.
Perfetta.

In un mondo dove quasi tutti farfugliano e si mangiano le parole, mi hai fatto il regalo di rendere comprensibile every single word (eppure non scandivi, e nemmeno parlavi lentamente), e non è poco.

Grazie, sai?

soundtrack: Fingernail moon, Annie Lennox

prêt-à-porter

Si sta tutto come sovrapponendo.
E poi fa freddo e piove.

In questo periodo mi salvano:

il blog

le telefonate serali con la Cilvia

il pensiero della compilation natalizia

Spago nel letto

lo standing knitting.

Beh, che c’è di male? Lo fanno anche le topmodel nei backstage delle sfilate.

È molto trendy, che vi credete.

soundtrack: Mad world, Gary Jules