senso

I sensi sono fondamentali, li hanno anche gli animali, che non possono parlare.
E sono la parte più libera di noi stessi.
Ci possono impedire di esprimere un’opinione, ma la sensazione di un sapore, quella, nessuno ce la può censurare, perché è solo nostra.
Quando il nostro cervello non ritrova un ricordo, ecco che un odore ci viene in aiuto.
Oppure il suono di una canzone.

Anche se su tante cose sono un po’ lenta, i miei sensi sono stati sempre belli svegli e li uso sempre volentieri.
Oggi avevo bisogno di pensare a qualcosa di piacevole, così mi è venuto in mente di fare le top five dei miei sensi, delle cose più buone e più belle che sono riuscita catturare durante la mia vita. O quelle che mi piacciono di più.

Vista.
le lucciole, da piccola nell’orto in una notte di giugno
il tramonto sulla spiaggia rosa di Budelli, avevo sedici anni e cielo, mare e sabbia avevano lo stesso identico colore
la Cami nata da cinque minuti e appoggiata sulla mia pancia che mi guardava tutta seria
le Ninfee di Monet al Moma di New York
un mazzo di ranuncoli selvatici, gialli.

Udito.
il rumore dei grilli
il suono della ghiaia in cortile sotto le scarpe di mio padre, quando tornava a casa tardi e io ero già a letto
i treni che passano in lontananza, di notte
l’adagio della Nona di Mahler
il mare.

Tatto.
le lenzuola di bucato, quando mi ci infilo dopo la doccia
le carezze
l’acqua
la pasta del pane
una pezza di velluto di seta tessuta a mano che mi ha portato la mia amica Anna.

Odorato (ne metto sei, annusare mi piace troppo).
i peperoni al forno
il profumo delle gardenie
la metropolitana di Parigi la prima volta che ci sono stata
l’odore della casa di mia nonna
quando mi piace una persona, e la riconoscerei ad occhi chiusi
l’erba appena tagliata.

Gusto.

le patate lesse bollenti col burro
il peperoncino
il caffè appena sveglia
il Negroni quando sono in vacanza
le foglie di menta piperita.

E voi?
Per cosa vanno matti i vostri cinque sensi?

soundtrack: Feel, Robbie Williams

Annunci

6 thoughts on “senso

  1. brunilda ha detto:

    VISTA: un lago nel tardo pomeriggio
    UDITO: il silenzio
    TATTO: il pelo sotto il mento del mio gatto
    ODORATO: una spiga di lavanda sfregata tra le dita
    GUSTO: la marmellata di fragole sul burro
    A proposito… mi è venuta fame! Adesso mi scaldo gli scones in forno e ci spalmo sopra un dito di burro e marmellata! :-9

  2. tiptop ha detto:

    L’odore della menta nel prato, della cannella, dei chiodi di garofano…anche il rumore delle cicale, calda estate…ma non sono capace di fare queste classifiche, mi piace tutta la vita…

  3. utente anonimo ha detto:

    forse riflettendoci un po’ potrei trovare anche altre cose ma così di getto dico:
    VISTA: la Cappella Sistina
    UDITO: il rumore dell’acqua durante la piena del Po (del 2000 mi pare…)
    ODORATO: il pane appena sfornato
    e cannella, cannella, cannella…
    GUSTO: i salumi tutti!
    Anna

  4. utente anonimo ha detto:

    Coraggio, lasciate un commento, l’idea è ottima, non va sprecata

  5. utente anonimo ha detto:

    bellissimo il tuo post e altamente condivisibili le tue preferenze… 🙂

    se proprio mi devo lanciare, ecco quello che mi viene in mente, così su due piedi..

    VISTA: la notte stellata e la via lattea viste da sdraiata nel paesino dove abita mia nonna, nel bel mezzo del nulla
    UDITO: il rumore delle onde
    TATTO: i gomitoli di lana
    ODORATO: l’odore del muschio in campagna d’autunno
    GUSTO: il vino rosso corposo, tipo Nero d’Avola

  6. utente anonimo ha detto:

    vista:
    le colline
    i prati verdissimi
    un suq
    un film al cinema
    le case di campagna

    tatto:
    i grattini
    i ciotoli dei sagrati
    un giornale fresco di stampa
    la pancia
    il pelo lanosetto dei cuccioli

    olfatto:
    mia nonna
    il pane appena sfornato
    il mio profumo
    la pelle al sole che sa di pasta
    il bucato appena ritirato
    il gatto

    gusto:
    un buon rosso giovane
    le melanzane alla parmigiana
    il minestrone freddo di mia nonna
    le albicocche raccolte dall’albero calde di sole
    l’olio crudo

    udito 🙂 qui sono in difficoltà

    estrellita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...